Avvisatore acustico di sicurezza

Negli ultimi anni, con la crescita della sensibilità verso la sicurezza, l’utilizzo di segnalazioni acustiche per attivare l’attenzione delle persone che potrebbero essere esposte ad una condizione di pericolo è aumentato considerevolmente.
I segnalatori acustici più diffusi si limitano ad emettere un tono intermittente o, in alcuni casi, due toni alternati. In entrambe i casi lo sforzo del progettista è quello di scegliere toni e pause che rendano la segnalazione efficace.
Sempre in merito ai segnalatori acustici nell’ambito della sicurezza, un primo livello di sofisticazione lo troviamo nei segnalatori per i semafori stradali.
Questi dispositivi, oltre all’alternanza di toni e/o pause, utilizzano diverse sequenze e velocità di esecuzione per annunciare l’approssimarsi di un cambiamento di situazione, tipicamente il passaggio dal verde al giallo negli attraversamenti pedonali.

In effetti, una struttura software (e hardware) che assolva a pienoalle problematiche che stiamo per affronatre è tutt’altro che semplice e, affrontarla come prima realizzazione può essere frustrante e incoraggiare l’abbandon dell’impresa per cui, da questo punto in poi, descriverò due soluzioni completamente diverse, la prima sarà semplice con tutte le limitazioni di una cosa semplice (ma più facile da realizzare e comprendere e propedeutica per il livello successivo), la seconda sarà un buon compromesso fra quello che può fare un maker e quello che si fa a livello industriale.
Per distinguerle le chiamerò:
1) Avvisatore acustico semplificato – la versione più semplice
2) Avvisatore acustico di sicurezza – la versione più articolata e complessa
Per cui, da adesso in poi avremmo due linee di articoli che parleranno di uno e dell’altro.

AVVISATORE ACUSTICO SEMPLIFICATO
Cosa deve garantire:
a) aspettare uno stimolo su di un ingresso (START)
b1) lanciare una sequenza di avviso di durata definita (TALLARM)
b2) portare alto un pin digitale (RUN)
c1) arrestare la sequenza su timeout definito
c2) portare basso un piedino digitale (RUN)
c3) tornare ad a)

AVVISATORE ACUSTICO DI SICUREZZA
Cosa deve garantire:
a1) inizializzare tutti i piedini nello stato corretto
a2) aspettare uno stimolo su di un ingresso (START)
b1) lanciare una sequenza di preavviso di durata definita
b2) portare alto il pin digitale (ALLERT)
c1) eseguire una sequenza di segnalazione distinguibile dalla precedente
c2) portare basso il pin digitale (ALLERT)
c3) portare alto il pin digitale (RUN)
d1) arrestare la sequenza acustica su stimolo (EMERGENCY STOP)
d1a) portare basso il pin digitale (RUN)
d1b) portare alto il pin digitale (ALARM)
d1c) in caso di arresto per EMERGENCY STOP non accettare più nessuno stimolo sino al reset
d2) arrestare la sequenza acustica per timeout (TALLARM)
d2a) portare basso il pin digitale (RUN)
d2b) in caso di arresto per timeout riprendere l’esecuzione dal punto a1)

Da adesso sta a voi seguire una o l’altra linea risolutiva

AVVISTARE ACUSTICO SEMPLIFICATO
1) Inizializziamo i piedini (RUN – BASSO)
2) Aspettiamo che START diventi BASSO
3) Alziamo il pin RUN
4) Facciamo una sequanza di squilli a 600Hz ogniuno lungo 500mS con 1000mS di pausa fra uno squillo e l’altro e continuiamo per un tempo totale di (TALLARM)
5) Finito il tempo (TALLARM) concludiamo la sequenza di squilli
6) Abbassiamo il pin RUN
7) torniamo a 1)

AVVISATORE ACUSTICO DI SICUREZZA
1) Inizializziamo i piedini (RUN – BASSO; ALLERT – BASSO)
2) Aspettiamo che START diventi BASSO
3) Alziamo il pin ALLERT
4) Facciamo una sequanza di 4 squilli a 600Hz ogniuno lungo 500mS con 1000mS di pausa fra uno squillo e l’altro
5) Abbassiamo il pin ALLERT
6) Alziamo il pin (RUN)
7) Facciamo una sequanza di squilli a 800Hz ogniuno lungo 1000mS con 500mS di pausa fra uno squillo e l’altro e continuiamo per un tempo totale di (TALLARM)
7a) Controlliamo se EMERGENCY STOP è basso. Se è basso
a) Abbasiamo il pin RUN
b) Alziamo il pin ALLARM
c) Fermiamo la sequenza di squilli
d) blocchiamo il processo siano alla pressione del RESET
8) Finito il tempo (TALLARM) concludiamo la sequenza di squilli
9) Abbassiamo il pin RUN

Questa voce è stata pubblicata in didattica digitale, Elettronica, Informatica, laboratori, Make, MakerSpace, robotica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.