Disco condiviso

Esistono numerosi servizi online di “disco condiviso” comodissimi per avere sempre disponibili, ovunque ci sia una connessione, i nostri dati personali (duplicano automaticamente il contenuto di una cartella locale del nostro Pc).

Tra i più noti citiamo solo Google Drive e Dropbox; nel video sotto riportato la prof.ssa G. Paladino analizza GDrive.

Ovviamente tutti questi servizi gratuitamente offerti da grandi multinazionali hanno dei riscontri negativi in fatto di privacy ma, a meno di non essere in grado di montarsi un proprio analogo servizio usando free software (owncloud ad esempio), restano comunque una soluzione veloce per condividere e lavorare collaborativamente online sui propri file.

Questa voce è stata pubblicata in didattica digitale, Informatica, laboratori e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.